Notizie e consigli sulla coppetta mestruale GeaCup e i suoi prodotti

Benvenuta nella sezione consigli di GeaCup.com In questi articoli troverai idee e approfondimenti che ti accompagneranno in un viaggio verso una femminilità più sana, felice e consapevole. Buona Lettura.

Repair Unguento - Lenisce e ripara la pelle e le mucose

Repair, unguento che lenisce e ripara la pelle e le mucose più sensibili. Te lo racconta Laura in questo video.

Pensato per il benessere intimo femminile, zona potente ma al tempo stesso delicata che richiede amore e cura come ogni parte del nostro corpo.

Dona benessere e freschezza alla Vagina e alla Vulva combattendo condizioni di bruciore, irritazione, prurito e secchezza che possono essere dovute a molti fattori come: ormoni sballati, menopausa, mestruazioni, tensioni lavorative o familiari.

Quando la tua Vagina sta bene, stai bene tu!

La Codina della Coppetta mi irrita!

L’ho sentita più di una volta questa affermazione, quindi vediamo di capire innanzitutto a cosa serve la famigerata ”codina”.

Le Coppette Mestruali hanno tutte una codina, piccola o grande che sia, questa però non ha la funzione del cordino dei tamponi interni, quindi non si deve usare per tirare la Coppetta nel tentativo di toglierla.


Come ben saprai una volta indossata la Coppetta crea un vuoto all’interno della Vagina per evitare le perdite di sangue, se tiri la codina per estrarla, rischierai di farti male, oltre che di rompere la codina stessa.


Ma allora perché c’è? Semplicemente perché noi donne abbiamo l’ansia di perdere le cose, quindi la codina ti servirà semplicemente per assicurarti che la tua Coppetta sia ancora in posizione.


Quando indossi la Coppetta Mestruale questa sale nel canale Vaginale, a qualcuna di più, a qualcuna di meno, a seconda delle fattezze di ognuna.



Se quando indossi la Coppetta ti accorgi che la codina fuoriesce dalla Vagina, il mio consiglio è di tagliarla, per evitare che questa sfreghi sulle piccole labbra, creandoti irritazioni.

codina coppetta tagliata con forbici



Per facilitarti in questo compito, la codina di GeaCup è stata studiata con delle rotondità accentuate e un materiale resistente in maniera tale che, una volta tagliata per accorciarla, tu possa limarla con una limetta da unghie e renderla quindi nuovamente arrotondata e confortevole.

codina coppetta Coppetta mestruale GeaCup limata




Tutte le peculiarità di GeaCup sono state studiate per potersi adattare perfettamente sul tuo corpo e per permetterti di modificarla perché il suo utilizzo sia sempre estremamente facile e “piacevole” (vedi QUI tutte i suoi dettagli)


Sarà GeaCup ad adattarsi a te, non il contrario.


Quindi se il codino della Coppetta ti irrita, non sopportare!

Semplicemente accorcialo, se poi utilizzi una GeaCup, arrotondalo e dagli la forma e la misura che più si adatta alla tua Vagina, unica e bellissima come TE!


Acquista ora

Coppetta? Nooo Ho il flusso abbondante

Quando parlo di GeaCup alle mie clienti spesso mi dicono “nooo…il mio flusso è troppo abbondante! Non reggerà mai!”. Ecco, subito dopo mi trovo a chiacchierare sulla quantità di flusso e la reale percezione delle quantità. Ti assicuro che nessuna sa esattamente o anche solo vagamente quante perdite ha nell’arco di una mestruazione.



Questa impressione di abbondanza, tanto diffusa è data dall’esteso utilizzo degli assorbenti che non danno alcuna percezione reale. In più, i classici assorbenti, richiedono tempo per assorbire i fluidi, a differenza della coppetta che raccoglie istantaneamente anche i coaguli eliminando la sensazione di caduta che si ha in questi casi e evitando imbarazzi o macchie.



Innanzitutto un flusso normale corrisponde a una perdita media di 80ml durante l’intero periodo della mestruazione. Sotto a 40ml il flusso è considerato scarso. Mentre oltre i 100/150ml di perdite è il caso di fare degli accertamenti, questa quantità è considerata eccessiva, potrebbe indicare problemi a carico dell’utero oppure un problema alimentare.



Ma com’è possibile capire quanti ml si perdono durante la mestruazione?



All’interno di GeaCup è presente una scala graduata (nella taglia 1 fino a 15ml, nella taglia 2 fino a 20ml anche se in realtà regge 5ml in più ogni taglia) che ti permetterà di tenere un diario.

Ti basterà avere con te un quadernino dove segnare i ml persi tra uno svuotamento e l’altro. Se vuoi essere precisissima puoi segnarti le date e gli orari di svotamento.

Al termine della mestruazione potrai capire esattamente la quantità di flusso perso durante la mestruazione e in quali giornate aumenta e si riduce.



Potrai notare anche come il colore e la consistenza delle perdite cambia durate la mestruazione. Rosso intenso, rosso più scuro, marrone o nero, il colore è normale che vari. Questo dipende dalla quantità e dalla velocità con cui il sangue scende dall’utero. Anche la presenza di grumi o di pezzettini o la completa fluidità è considerato normale. Il flusso gocciola dall’utero, non è un rubinetto aperto. In presenza di coaguli il flusso potrebbe scendere velocemente una volta passato il coagulo che blocca il flusso.



È possibile ampliare il diario segnandoti stati d’animo, sensazioni, energie alte o basse durante tutto l’arco del ciclo mestruale, segnando anche il tipo di alimentazione tenuta e l’impulso di mangiare alcuni alimenti piuttosto che altri. Rivelatore è anche segnare quando la voglia di fare l’amore aumenta o diminuisce.



Noterai come in alcuni momenti del ciclo hai qualità ed energie potenti e creative o, al contrario, necessità di stare sola e più a riposo possibile, oppure quando avrai moltissima voglia di dolcezza o di salato.



Se decidi di tenere il tuo diario con le informazioni che desideri ti consiglio di farlo per almeno 3 cicli mestruali per poter fare una media. Sarà comunque un'attività fatta per te, per la tua consapevolezza, per conoscerti e riconoscerti…quindi decidi tu serenamente per quanto tempo vuoi tenerlo.



Scoprirai come è magica la nostra ciclicità femminile e comincerai ad amarlo.



La tua GeaCup ti supporterà proprio in questo.



Acquista ora

Il Ciclo Mestruale, spiegato a mia figlia

Vedi amore, il corpo delle donne è meraviglioso e pieno di splendidi e affascinanti segreti, uno di questi è proprio il ciclo mestruale.



Ci dicono spesso che siamo Lunatiche e in effetti è vero, perché il nostro ciclo mestruale dura circa 28 giorni, come il ciclo della Luna, siamo talmente straordinarie da assomigliare alla Luna, illuminiamo il mondo con la nostra luce anche di notte.



I 3-6 giorni durante i quali il nostro corpo dona sangue alla terra, si chiamano Mestruazioni, ma oggi vorrei raccontarti la storia di tutti e 28 i giorni del nostro ciclo, non solo di questi 3-6 giorni che ne sono il culmine.



Nascoste all’interno del nostro grembo ci sono due ghiandole grandi come piccole castagne che lavorano incessantemente per produrre dei piccoli ovetti che hanno la possibilità di diventare dei bambini.



Noi nasciamo già con tanti piccolissimi ovetti dentro di noi e quando diventiamo abbastanza grandi, questi ovetti cominciano a maturare e lasciano, uno ogni mese, le nostre ovaie per entrare nell’utero.



Dopo circa 14 giorni dal termine delle mestruazioni una delle nostre due ovaie manda un messaggio al cervello per avvertirlo che l’ovetto del mese è pronto e lei è disponibile a lasciarlo andare, così il cervello avvisa le tube, che sono due tubettini morbidi e coccolosi che si uniscono all’utero, di andare a prenderlo.



Le tube allora si stiracchiano e muovono le loro braccine verso l’ovaio per andare ad abbracciare l’ovetto che sta arrivando, così l’ovaio saluta il suo piccolino e lo lascia tra le braccia delle tube che lo accolgono dentro di sé.



Nel frattempo l’utero ha cominciato a preparare una casetta accogliente al suo interno, per far star comodo l’ovetto che arriva. Il nostro utero è grande più o meno come una pera williams rovesciata verso il basso. E’ un muscolo potentissimo in grado di diventare grande grande per poter accogliere un bimbo per poi tornare piccolo piccolo quando questo bimbo è nato.



L’ovetto inizia a scendere attraverso la tuba per andare ad abitare dentro l’utero, che nel frattempo ha modificato la sua parte finale, che si chiama cervice, per renderla più morbida, leggermente aperta ed accogliente. Questo serve perché, se desideriamo in questo mese avere dei bambini, lui deve essere disposto a lasciar passare delle celluline maschili, che si chiamano spermatozoi, al suo interno, che desiderano andare ad incontrare l’ovulo e unirsi a lui per creare una nuova vita.



Se questo accade, l’ovetto una volta arrivato nell’utero si annida nella casetta preparata e comincia a crescere per 9 mesi, fino a diventare un piccolo bambino ed essere pronto per nascere. Se invece questo non accade, come la maggior parte dei mesi, questo ovettino viene lasciato uscire dal nostro corpo attraverso le mestruazioni, per tornare alla terra e assieme al nostro sangue, donare energia al mondo.



Quel sangue mestruale che vedi ogni mese è proprio la casetta che l’utero aveva preparato e siccome noi donne siamo così speciali, prepariamo una casetta nuova ogni mese. Così una volta ogni 28 giorni circa, l’utero si lava completamente attraverso le mestruazioni e poi ricomincia a preparare una nuova casetta al suo interno, perché, magari, il prossimo mese desideriamo dar vita ad una nuova creatura che deve essere accolta con amore già dai suoi primissimi giorni di esistenza.



Quindi amore mio, ogni mese, quando vedi le mestruazioni che arrivano, pensa che hai un corpo meraviglioso, che si pulisce e si rinnova e che attraverso quel sangue dona vita e forza al mondo.



Ti voglio bene mia piccola grande Donna.



Con la coppetta GeaCup i giorni del ciclo si trasformano da giorni tristi e cupi in giornate positive, in cui riscoprire la potenza della tua femminilità.



Acquista ora

La forma ha la sua importanza!

GeaCup è la coppetta mestruale pensata, disegnata e sviluppata solo da donne. Donne consapevoli, donne che hanno provato moltissime coppette ed hanno potuto comprenderne i difetti che possono creare problemi nell’utilizzo (fastidio, irritazione, difficoltà di minzione ecc.).



Abbiamo messo in discussione la forma, i materiali, ma mai il concetto (QUI puoi capire cosa intendo per concetto) rimanendo sempre focalizzate sul rispetto del corpo. Abbiamo risolto ogni problema tecnico nello sviluppo piuttosto che comprimere le forme per agevolare la produzione.



Ci siamo rese presto conto che la forma cilindrica di tutte le coppette, e altri dettagli, erano scelti e sviluppati esclusivamente per motivi produttivi. Creare uno stampo non cilindrico ti assicuro è stata un’impresa.



Ma perché non cilindrica?
Se ci pensi bene la natura ha previsto che attraverso la Vagina passi un bambino e/o un pene. Entrambi non hanno di certo una forma cilindrica. Nessuna parte del nostro corpo è perfettamente cilindrica.
La testa di un bambino e il pene hanno una forma simile, sembra un ovale schiacciato.
Abbiamo sovrapposto le due forme e ne abbiamo fatto una media, la forma di Geacup è il risultato.


Forma anatomica GeaCup coppetta mestruale



La Vagina è un organo meraviglioso, in grado di adattarsi alle circostanze, è forte e delicato al tempo stesso ma richiede rispetto.
La forma di GeaCup la rende impercettibile.



Questa è solo una delle caratteristiche che rende unica GeaCup coppetta mestruale.


Man mano ti spiegherò nel dettaglio ogni sua parte e il suo motivo.



Intanto QUI puoi trovare tutte le caratteristiche riportate in modo sintetico.

Continua a seguirci.

A presto

V-Fresh e stai fresca!

8 ore in ufficio, poi subito di corsa a fare la spesa, recupero i figli dalla nonna e li porto mezz’oretta al parco.
Ormai sono le 18.00 e il sole è sceso, l’afa e il caldo stanno mettendo alla prova le mie forze! La camicia mi si appiccica addosso ad ogni movimento e odio questi pantaloni che sono obbligata a mettere ogni giorno.
Maledetta divisa! Pantaloni neri anche d’estate. E così la mia passera non respira in tutto il giorno. Sogno una doccia o almeno un bidet dalle 10 di questa mattina, invece sono ancora in giro.


Non ne posso più, amo l’estate, ma tutto questo caldo e sudore mi fanno letteralmente impazzire.


Poi trovo lei e mi sorride felice, come farà a sopportare tutto questo, il suo lavoro è addirittura peggio del mio. Lavorando in sala deve indossare anche i collant, voglio capire e non mi resta che chiederglielo.


La risposta? Il kit V-Fresh!


-“V cosa?”


-“V-Fresh” - mi dice lei – “V come Vagina! Una Vagina fresca anche con i collant!”


Così l’ho scoperto e le mie giornate sono cambiate. Rimane lo stress, il lavoro, il caldo…ma almeno la Passera respira!


Può essere tuo in 48 ore. Un Bidet portatile, lo posizioni sul collo di una comune bottiglietta di acqua e puoi rinfrescarti quanto e dove vuoi.
Le compresse di garza che con poche gocce d’acqua si trasformano da piccoli bottoncini a grandi fazzoletti umidificati, che puoi usare in ogni parte del corpo. Poi c’è lei, la bottiglietta di Brezza (prêt-à-porter) un concentrato di freschezza ad ogni spruzzo.
Fresca grazie all’Eucalipto, lenitiva ed emolliente grazie ad Aloe, Malva, Camomilla e Calendula. E, dulcis in fundo, igienizzante e antibatterica, grazie a Tea tree e Niaouly.


Tu cosa aspetti, il V-Fresh è disponibile per te in una comodissima trousse da portare in borsa ed usare quando e dove vuoi.


V-Fresh e la Passera respira.



Acquista ora

La coppetta mestruale? Che schifo!

Il primo tema di cui vorrei parlare è dei pregiudizi che nascono spesso alla prima conoscenza della Coppetta mestruale.



1-Che schifo! Devo mettermi le dita nella Vagina.

È il pregiudizio più diffuso.

Ebbene sì, la Vagina è una parte del tuo corpo come lo è l’orecchio, la bocca, il naso…tutte zone dove infiliamo le dita senza problemi (ammettilo dai!). Prendi atto di questo e inizia a conoscerla, scoprirai che è una parte del tuo corpo bellissima, morbida e coccola.

Grazie alla coppetta inizierai ad amarla e a darle la cura necessaria, gli assorbenti e i tamponi non la rispettano, anzi l’aggrediscono modificando i suoi equilibri.



2-Ma non è igienica!

La coppetta è assolutamente igienica e rispettosa. I classici assorbenti e tamponi non lo sono.

La coppetta sta all’interno della Vagina e raccoglie il flusso in assenza di ossigeno. Questo evita che il sangue si degradi, infatti, al momento di svuotarla non ha alcun odore (a differenza degli assorbenti).

L’unica cosa poco igienica sono le mani, che vanno lavate ogni volta prima di svuotare la coppetta, come le lavi prima di mangiare.

A fine mestruazione la sterilizzerai con il suo sterilizzatore pronta per il mese successivo.



3-Figurati, sarei sempre in bagno a svuotarla! Con il flusso che ho io?! Che rottura.

La percezione che abbiamo delle perdite è influenzata dagli assorbenti, a volte pensi di aver urgente bisogno di una trasfusione alla vista dell’assorbente da cambiare. Ma non è così!

Una mestruazione media porta a perdere massimo 80ml di sangue nell’arco di una mestruazione (dai 3 ai 5gg). Un assorbente tiene molto meno della coppetta.

Tieni presente che la coppetta va svuotata al massimo ogni 12 ore, e la coppetta Gea tg. 2 contiene fino a 25ml!

Ovviamente i tempi di svuotamento li capirai con il tempo, le prime volte andrai ogni due ore e vedrai da te quanto hai perso. Io personalmente la svuoto ogni 12 ore, tranne il secondo giorno in cui ho un flusso più forte dove la svuoto ogni 6 ore anche se non la trovo mai piena…vedrai che capire quanto perdi sarà una rivelazione.

Una delle cose che amo di più della coppetta è proprio fare ciò con voglio in libertà (piscina, mare, montagna, sport, ecc.) come andare a letto nuda senza ansie e fastidio per il mega assorbente notte.



4-Ma no, non puoi capire…io c’ho i coaguli, non faccio in tempo ad arrivare in bagno che sono piena di sangue!

La coppetta risulta molto comoda a chi ha perdite con coaguli. La sensazione di crollo interno sparisce e si ha tutto il tempo di arrivare in bagno a svuotare la coppetta. Mai più sedili della macchina o sedie in ufficio macchiate, eliminerai tutte queste situazioni imbarazzanti solo cambiando lo strumento con cui affronti la mestruazione.



5-Ma a me fa proprio schifo il sangue!

Lo capisco se parli del sangue che sei abituata a vedere sull’assorbente che dopo ore a contatto con il tuo corpo caldo inizia a emanare cattivo odore.

Il sangue che vedrai nella coppetta è lo stesso sangue che vedi uscire dal graffio che ti ha fatto il gattino, rosso e senza odore.



6-Ma io sono fuori tutto il giorno! Mica posso andare a casa a svuotarla ogni volta.

Lo capisco bene, anch’io sono spesso fuori casa e mi capita di fare dei viaggi di molte ore, al momento l’ho svuotata nei bagni di una stazione ferroviaria, in autogrill, nel bagnetto dell’aereo, oltre a bagni di ristoranti e bar vari. Mi è bastato avere con me Brezza  (che con la bottiglietta  posso portarla anche nella pochette) per pulire bene le mani dove mancava il sapone, una bottiglietta d’acqua e ho fatto bingo da quando ho Swan  e le salviettine compress e. Tutto sta a prendere praticità.

Posso capire che la prima volta che la utilizzi ti trovi un pochino impacciata, è un po’ come quando cambi macchina, i parcheggi più complicati li fai solo quando hai preso bene le misure.



7-No no! E se mi macchio?!

La coppetta perde solo se manca il vuoto o è messa malamente, poi al massimo perdi qualche goccia. Questo solo finchè non hai preso familiarità, infatti ti consiglio di usare un salvaslip (quelli lavabili come questo  ti lasciano traspirare e sono comodissimi) per il primo periodo, poi vedrai che starai tranquilla un brevissimo tempo…ricordati che se hai difficoltà ti basterà scriverci, saremo felici di supportarti.



8- 32€?! È carissima!!!

Calcolando che una coppetta dura da 6 fino a 10 anni (se tenuta con cura) calcola quanti pacchi di assorbenti non dovrai più comprare.

Senza calcolare il risparmio di assorbenti per la natura, mai più pezze o tamponi nel bidone del secco che diventa inavvicinabile.



9- Dev’essere fastidiosa quella cosa, dentro!

Innanzitutto la coppetta Gea è studiata sull’anatomia femminile (puoi vedere le sue caratteristiche nel dettaglio qui ), il materiale è utilizzato in chirurgia e nella pratica medica perché anallergico, in più cambia forma con il calore del corpo prendendo le forme della Vagina che la ospita.

Probabilmente questa idea ti è venuta dall’associazione con i tamponi. I tamponi assorbono all’interno del corpo e assorbono tutto, anche la lubrificazione naturale della Vagina che costituisce un’importante barriera per le mucose, questo crea fastidio ma anche molte irritazioni. La coppetta è completamente rispettosa, raccoglie il sangue ma lascia fluire la naturale lubrificazione mantenendo sana la tua meravigliosa Vagina.



10- Mi infilo quella cosa, ma poi dove va a finire?

La vagina ha una fine, tutto ciò che entra esce. Prova questo esercizio: Accovacciati infila il dito indice, una volta inserito completamente potrai sentire la cervice (è più dura della vagina, ha la consistenza della punta del tuo naso), passale attorno, sentirai la fine della tua vagina.

Nessuna paura, è più facile da fare che da spiegare.




La cosa incredibile è che ti dimenticherai di averla e ti dimenticherai di avere le mestruazioni!!!



Questi sono i pregiudizi che più spesso sento rivolgere alla coppetta mestruale GeaCup dalle mie clienti e devo dire che capisco. La coppetta GeaCup porta a rivoluzionare il rapporto con la Vagina e il ciclo mestruale e una cosa ti posso garantire, è una rivoluzione molto positiva.

GeaCup ti migliora la vita!



Acquista ora



Se vuoi tenerti informata su offerte, novità o sui nuovi articoli del Blog iscriviti qui  alla newsletter.

Il ciclo mestruale: la nostra ciclica armonia

Il ciclo mestruale racchiude in sé un enorme potere, allontanandoci dalla vecchia idea che lega il ciclo solo a disagi e sofferenze, inizieremo ad intravvedere le grandi proprietà rigenerative che ha per il nostro corpo. Le mestruazioni ci travolgono ogni mese, per poi lasciarci rinnovate, pulite e pronte a nuove creative emozioni.


Molto spesso viviamo questi giorni con grande disagio ed un po’ di vergogna, ma queste sensazioni negative non sono date dal ciclo in sé, ma dal fastidio che provocano gli strumenti che abbiamo a disposizione per “arginare” le nostre perdite.


Da anni noi stesse abbiamo imparato a vivere meglio il ciclo utilizzando la Coppetta Mestruale e per anni l’abbiamo proposta alle nostre clienti, raccogliendo le loro recensioni, le loro gioie e i difetti che ci trovavano.


Da questo studio, fatto direttamente sul campo, è nata GEA CUP, una coppetta UNICA come TE .


Abbiamo raccolto tutti i difetti che le donne ci raccontavano e abbiamo iniziato a risolverli uno ad uno, assieme alla nostra ostetrica che ci guidava nella conoscenza anatomica della donna, per creare una coppetta che si adattasse perfettamente ad ogni donna.


Ci siamo così rivolte ad un’azienda Bellunese che lavora il TPE, presentandogli il nostro progetto e i nostri disegni e chiedendogli di realizzare GEA. Il TPE è la prima delle peculiarità che rende unica Gea, è un materiale utilizzato in chirurgia, sicuro, anallergico e soprattutto in grado di adattarsi perfettamente al corpo che lo ospita, questo fa sì che una volta indossata GEA diventi parte di te lasciandoti libera nei tuoi movimenti tutto il giorno, anche durante lo sport o il sonno.


Abbiamo studiato tutte le sue forme perché siano perfettamente compatibili con la fisicità della donna, GEA ha una forma particolare che ricorda la testina di un bimbo appena nato, ha una parte più alta dietro per accogliere la cervice ed è obliqua per essere posizionata con estrema comodità all’interno del canale Vaginale.


Abbiamo studiato inoltre i suoi spessori perché siano resistenti verso la schiena, dove devono contrastare le spinte dell’ano ed estremamente delicati davanti, dove passa l’uretra.
Puoi vedere qui raffigurate e spiegate tutte le particolarità che fanno di GEA una coppetta UNICA


Per mantenere perfettamente igienica e sempre in forma GEA, abbiamo studiato lo STERILIZZATORE , che ti sarà indispensabile per la cura di GEA e ti renderà semplice e sicuro il suo utilizzo, facilitandoti la pulizia e prolungandone la vita.


Ma non ci siamo fermate a questo, dopo GEA abbiamo creato tutta una linea di prodotti, racchiusi sotto il marchio Medea, per accompagnare la donna in tutta le sue fasi del ciclo, dall’adolescenza alla menopausa.


E’ nato REPAIR , un unguento biologico a base di olio d’Iperico, una vera e propria crema di bellezza per la tua Vagina. Ridona tonicità ai tessuti e ti aiuta a prevenire e curare graffi, arrossamenti e pruriti, grazie alle meravigliose proprietà dei suoi ingredienti.


Poi è arrivata BREZZA , un acqua detergente biologica e completamente naturale che donerà freschezza alle tue zone intime anche nelle giornate più calde e stressanti. Inoltre, gli oli essenziali in essa contenuti ti aiuteranno a detergere e disinfettare la tua GEA, le tue mani e le superfici con le quali verrai a contatto dentro e fuori casa.


Per completare l’offerta per il tuo benessere intimo, nello shop  troverai altri prodotti correlati che renderanno sempre più semplice e piacevole, prenderti cura della tua Vagina, centro di emozioni e di espressione della potente energia femminile.